Tecnobios

Numeri e cause dell'infertilità

20 settembre 09 

Rispetto ad altri mammiferi, noi esseri umani abbiamo una fertilità particolarmente bassa. A ogni ciclo mestruale della donna, infatti, una coppia al massimo della capacità riproduttiva ha una probabilità di concepire che tocca appena il 30 per cento. Questa percentuale si riduce significativamente con l'aumentare dell'età della donna: oltre i 35 anni non supera il 20 per cento e diminuisce fino al 10 per cento oltre i 40. Non deve sorprendere, quindi, che si debbano spesso attendere alcuni mesi prima di vedere coronato il desiderio di concepire un figlio. Se però l’incapacità di procreare si protrae ininterrottamente per due anni, è possibile che uno o entrambi i partner siano infertili. In questo caso può essere utile ricorrere a un centro specializzato nella cura dell'infertilità, anche perché la compromissione della capacità riproduttiva, oltre a costituire un ovvio problema di carattere medico, tocca aspetti altrettanto complessi di natura psicologica e sociale.

L'infertilità, sia maschile sia femminile, è un problema di consistenti proporzioni. Si stima infatti che il 15 per cento delle coppie in età fertile abbia severe disfunzioni riproduttive, e che un ulteriore 10 per cento soffra di patologie di gravità più modesta. Per quanto riguarda l’Italia, nonostante non siano disponibili dati epidemiologici esaurienti, è indubbio che l'infertilità affligge decine di migliaia di persone.

Alcune delle disfunzioni riproduttive hanno un’origine genetica, mentre altre sono riconducibili a cause ambientali.

TABELLA. Il contributo di diversi fattori all’infertilità

 Causa  %
 Infertilità maschile  35%
 Infertilità femminile meccanica  35%
 Infertilità femminile ormonale
 15%
 Infertilità di coppia  5%
 Infertilità idiopatica (da causa non nota)  10%

Recenti studi suggeriscono che l'infertilità maschile e femminile sia in forte aumento. Gli attuali stili di vita giocano certamente a sfavore della funzione riproduttiva. Ai nostri giorni, infatti, per ragioni sociali e professionali molte donne pospongono l'esperienza del concepimento a una età in cui la loro fertilità è sensibilmente ridotta (non a caso, molte delle coppie che si rivolgono a un centro per la cura dell'infertilità sono in età riproduttiva avanzata). Per quanto riguarda gli uomini, invece, le caratteristiche del seme sono progressivamente peggiorate nel corso degli anni, almeno in alcune popolazioni. Fattori ambientali come l'inquinamento possono essere in parte responsabili della aumentata incidenza dell'infertilità maschile e femminile; è però difficile in molti casi risalire a specifiche cause per l'estrema varietà di agenti a cui siamo esposti quotidianamente.


Bookmark and Share